Il Punto

Lo scorso 20 novembre 2018 si è svolta l’annuale Assemblea degli iscritti all’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Milano.

Il presidente del CPO di Milano, collega Potito di Nunzio, ha illustrato l’attività svolta nel corrente anno 2018 e si è complimentato e ha ringraziato tutti i colleghi che a vario titolo hanno collaborato con il Consiglio dell’Ordine: i colleghi del Centro Studi e Ricerche, i colleghi componenti della Commissione di certificazione e conciliazione e i componenti di tutte le commissioni consiliari e ovviamente i consiglieri e i revisori dell’Ordine che hanno svolto uno splendido corale lavoro. Un ringraziamento particolare lo ha rivolto alle collaboratrici dell’Ordine che instancabilmente si adoperano per tutte le nostre attività e seguono con cura e diligenza la tenuta dell’Albo e il rapporto con gli iscritti.

Il Presidente ha illustrato i numeri della categoria e come si muove, sia anagraficamente che redditualmente, la provincia di Milano. L’aging in provincia è sicuramente un problema che va affrontato e ha invitato tutti i colleghi a dar spazio ai praticanti, unica vera speranza di ringiovanimento e di mantenimento del reddito in categoria. Le slides della relazione del Presidente  sono visibili al seguente link  https://consulentidellavoro.mi.it/wp-content/uploads/2018/11/SLIDE-Assemblea-CPO-Nov-2018-CDT.pdf.

L’assemblea ha inoltre approvato all’unanimità il bilancio di previsione dell’anno 2019 nel quale è prevista la riduzione di € 20,00 per iscritto a valere sulla quota dovuta al CPO. Ciò è stato possibile, ha affermato il Presidente, grazie ad una oculata gestione, ad una continua spending review,alle maggiori entrate derivanti dai diritti di segreteria dovuti per le certificazioni e le conciliazioni delle controversie di lavoro.

Ma c’è anche un altro motivo non meno importante: con la riduzione si vuole favorire l’acquisto del DUI (Documento Unico di Identità) che, oltre ad essere un documento di riconoscimento è anche PEC e Smart Card.Questo faciliterà anche la rilevazione degli accessi alla Formazione Continua Obbligatoria che entrerà a pieno regime il prossimo anno 2019.

 

Preleva l’articolo completo in pdf