Senza filtro – Lo sciopero dei Consulenti del Lavoro. O FAMO STRANO?

Alberto Borella, Consulente del lavoro in Chiavenna (So)

“Blocco dei licenziamenti o sarà scontro sociale”

La minaccia, formulata pochi giorni prima dell’approvazione del D.L. n. 104 del 14 agosto 2020, portava la firma di Maurizio Landini, segretario generale della CGIL.

Premetto che il personaggio non mi sta particolarmente simpatico. Credo sia per certi versi una questione di empatia e non solo di visione ideologica.

Eppure devo confessare di invidiarlo.

Sia chiaro, è una sana gelosia che nasce dalla credibilità con cui può minacciare azioni che, pur toccando il portafoglio, è certo che riceveranno un largo consenso da parte dei propri iscritti. Ventila il blocco delle attività produttive e chi paga sono gli stessi lavoratori, i cittadini, lo Stato. Pagano tutti, compreso il sottoscritto che nonostante questo continua ad invidiarlo. Lui va da Conte e soci e gli dice quello che si deve fare (mica ce la siam scordata la pantomima Governo/Parlamento sulla preventiva consultazione sindacale per le Cig Covid), altrimenti proclama lo sciopero generale. E non parla di questioni tecniche ma di precise scelte politiche, spesso basate su posizioni ideologiche.

Nessuno può essere licenziato, capito o no?

Noi professionisti una posizione così forte non ce la possiamo permettere.

Se ci asteniamo dagli adempimenti, non paghiamo un F24, non presentiamo una denuncia, verremmo considerati inadempienti agli obblighi contrattuali. Il datore di lavoro arriverebbe nei nostri uffici sventolando una multa che pretenderà venga pagata, senza se e senza ma, dal nostro Studio. Ma qualcosa si muove. I Commercialisti a metà settembre avevano infatti proclamato uno sciopero di ben 8 giorni. Per più di una settimana si sarebbero astenuti dall’invio delle dichiarazioni periodiche trimestrali Iva e dal presenziare presso le Commissioni tributarie. Oltre ad alcune richieste di aspetto tecnico la rivendicazione di maggior rilievo era una sistematica e formale consultazione preventiva della categoria nell’iter di formulazione delle norme e procedure nelle materie di competenza della categoria, nonché degli adempimenti connessi.

Apprendo la notizia della revoca dello sciopero dal RadioTg mentre sono in auto. Con me c’è Gianni, un amico di famiglia. Un arzillo ottantenne ex sindacalista. Con lui c’è empatia anche se resta evidente la distanza ideologica.

È stato un sindacalista di quelli tosti. Uno che la trattativa sindacale la faceva dura, scioperi, occupazione e picchetti. Se chiudi gli occhi lo puoi ancora immaginare: capelli lunghi, scarpe da ginnastica, eskimo e l’immancabile sigaretta in bocca davanti ai cancelli delle aziende.

«Non mi pare che il risultato ottenuto dai vostri cugini commercialisti sia stato un granché.» La voce è roca. Due pacchetti di sigarette al giorno pretendono il giusto dazio.

«Del resto di che parliamo? La promessa di una moratoria sulle sanzioni per i ritardati pagamenti delle imposte in scadenza il 20 agosto e quella di garantire la partecipazione attiva allo studio della riforma fiscale. Non penserai sul serio che qualcuno manterrà quest’ultima promessa

Già, ne son convinto pure io. Non è il caso di farsi troppe illusioni.

Quel che accadrà è che diremo la nostra e loro faranno come gli pare. Come sempre.

«Scusami Alberto se te lo dico con franchezza. Ma non è giunto il momento per voi di dire basta, semplicemente basta? Basta con le prese in giro. Basta piangervi addosso. Basta sconti?»

Ahi, quando parte così so già non è una semplice domanda. E infatti incalza.

«Del resto, le occasioni, i motivi per arrabbiarvi sul serio in questo periodo non credo siano mancati.

Che mi raccontavi di quella mole di provvedimenti emanati – spesso il venerdì sera – durante l’emergenza sanitaria da Covid-19?»

Che dire. Gli dicevo di qualcosa come:

– 19 tra Leggi e Decreti Legge;

– 19 DPCM;

– 112 circolari e messaggi Inps;

– 12 circolari Inail;

– 19 interventi dell’Agenzia delle Entrate;

– 6 circolari del Ministero del Lavoro;

– 10 quelle a firma Ispettorato del Lavoro;

– 3 ordinanze del Ministero della Salute;

– 19 protocolli. Ed altro ancora. Senza ovviamente contare le ormai “irrinunciabili” FAQ.

E almeno fossero stati interventi chiari! Manco per sogno. Prima ancora di essere pubblicati – quando ancora erano allo stato crisalide – in molti hanno provato, Consulenti del lavoro in primis, a evidenziare le criticità. Nulla da fare. Han tirato dritto.

«E che mi dicevi di quell’affronto alla Categoria, esclusa prima dalle varie Task Force e poi pure dal gruppo di esperti che dovranno provvedere alla revisione degli ammortizzatori sociali? Ah, ah, ah. Vi hanno preferito dei professori universitari! Soggetti che non credo abbiano mai visto una busta paga con la voce Cassa Integrazione Guadagni. Figurati una pratica.»

Beh, dai, non esagerare. Ce ne sono di bravi. Provo a frenarlo. Invano.

«E poi quella storia delle istanze di rateizzazione in funzione della ripresa dei versamenti contributivi sospesi causa Emergenza Covid. Ma vi fate prendere in giro così?»

Gianni è ormai un fiume in piena.

Gli avevo spiegato che a fronte della modifica del numero delle rate – prima 4 entro fine anno; poi 4 nel 2020 e 24 nei due anni successivi – l’Inps che ha fatto? Anziché sistemare i propri “fantastici” programmi telematici, una settimana prima della scadenza – il 9 settembre per l’esattezza – ci ha imposto la presentazione di due istanze distinte: una subito per il primo 50% del debito e un’altra nel 2021 per il restante 50%. Tanto noi Professionisti che abbiamo da fare in questo periodo?

Ma non era finita qui. Il 14 settembre quando il lavoro ormai lo avevamo concluso, sempre l’Inps, ci informava che avremmo avuto tempo fino a fine mese per presentare queste pratiche.

Le istanze. Già, diciamole due parole su queste domande. L’Inps per la gestione delle sospensioni/rateizzazioni ci propina un programma che non è nemmeno in grado di fornire un’anagrafica precompilata (manco son capaci di attingere dai loro archivi) costringendoci all’inserimento di dati inutili o già conosciuti (la residenza, la Pec ad esempio) o ripetitivi (gli stessi dati vanno inseriti più volte su più pagine). Un programma che non permette una stampa con uno straccio di protocollo! Tecnici informatici. Ma de che!

Poi ci si mette pure l’Inail che lo stesso 14 settembre ci informa di aver cambiato i codici da indicare nei modelli F24. Vai dunque con le solite corse, soprattutto per gli studi hanno già predisposto e inviato ai propri clienti le deleghe di pagamento.

E lasciamo perdere il ritardo nell’aggiornamento delle procedure per le nuove 18 settimane di Cassa integrazione.

I miei pensieri vengono bruscamente interrotti.

«Caro amico mio. Diciamocela tutta. Vi hanno sempre trattato come schiavi e non come professionisti. Mai come i massimi esperti del settore. E continueranno a farlo. Servi. A volte peggio degli schiavi perché il “padrone” di solito non ha alcun interesse a lasciarli morire. Non arriva mai a tanto. Li può pure frustare, ma lasciar loro tirare le cuoia mai. Quand’è che vi decidete a fare uno sciopero come si deve?»

Tu la fai facile. Come sempre. Provo a ribattergli. Parli di uno sciopero come si deve, uno di quelli cattivi. Facile per te. Uno da far tremar le vene e i polsi, come direbbe l’Alighieri.

«È necessario passare alle minacce. Lo sciopero è innanzitutto una minaccia non una azione. È la paura delle conseguenze che fa la differenza. Non sarebbe male, ad esempio, quella di un danno economico alle casse dello Stato.»

Non se ne parla proprio, ribatto, noi siamo dei professionisti mica guerriglieri. Neanche finisco di ribattere che lui cerca di darmi suggerimenti per una minaccia forte da proporre a chi ci governa.

«Basterebbe consigliare ai vostri clienti di “sbagliare” il versamento per pochi euro di quanto dovuto per ogni Ente creditore: Inps, Inail, AdE, etc. Parliamo di importi minimi, cadauno, sotto le famose 20.000 lire, al cambio 10,33 euro, importo sotto il quale lo Stato rinuncia all’iscrizione a ruolo in quanto il recupero coattivo risulta antieconomico. Pensaci bene: solo voi Consulenti del Lavoro assistite un milione e mezzo di aziende. Il calcolo è presto fatto: 10 euro non versati per azienda nei confronti in media di 4 destinatari fanno 60 milioni all’anno di mancato introito per lo Stato. Aggiungete quanto movimentano altri professionisti del settore, facilmente coinvolgibili, e capite quanta pressione potreste esercitare sulla controparte.»

Non si può fare. Gli ribadisco, e pure convinto. Questa cosa non si confà ad un Ordine di diritto pubblico!

«Guarda che lo so che parliamo di una azione eticamente e deontologicamente discutibile per dei professionisti. Mica vivo su Marte. Ma non la escluderei. Diciamo che me la terrei come piano B qualora la situazione peggiorasse ulteriormente e irreparabilmente. E se ancora non lo hai capito ci manca davvero poco

La strada da fare è ancora lunga. In tutti i sensi. E Gianni non intende fermarsi.

«Sai cos’è un sciopero bianco?»

La domanda è retorica. Serve a portarmi dove vuole lui. E so che mi piacerà, ma cerco di non farglielo capire. Certo che lo so, rispondo. Indica una forma di protesta che consiste nel rifiuto dei lavoratori di collaborare senza una parallela astensione fisica dal lavoro, ma imponendo a loro stessi l’applicazione rigida e burocratica delle regole contrattuali. È una protesta chiaramente singolare, utilizzata quando per ragioni organizzative o legali uno sciopero tradizionale sarebbe impraticabile o sconsigliabile. Gli obblighi contrattuali verso il datore vengono osservati e la prestazione lavorativa viene offerta normalmente ma con il vantaggio, non trascurabile, che gli aderenti non subiscono le conseguenze economiche di uno sciopero vero e proprio.

«Bravo.» Non c’è alcuna ironia nel suo complimento. «Vedi, uno sciopero per essere efficace non può fondarsi su proteste improvvisate. È necessario al contrario attrezzarsi da subito, individuando una o più azioni incisive da porre in essere con estrema immediatezza ogni volta che qualcuno, lassù, crederà di poter fare il furbo con voi. Bisogna in sostanza costringere l’avversario a decidere in tempo reale se scendere a patti o subire gli effetti della protesta. E a certi avversari meno tempo gli si lascia per pensare e meglio è, credimi.»

Mi guarda e sorride. Gli si brillano gli occhi. È autocompiacimento. Mi vuol lasciare in sospeso per poi illuminarmi.

«E questa forma di protesta ci insegna come l’eccesso di burocrazia possa avere effetti devastanti al pari dell’astensione dal lavoro. Una sorta di pena del contrappasso perché, pensaci, a suggerirci la giusta strategia sono proprio i lavoratori della Pubblica Amministrazione, che di burocrazia vive e al contempo uccide. Ve la immaginate la soddisfazione di restituire pan per focaccia, un moderno “occhio per occhio, dente per dente” che oggi diventa Lavoro inutile per lavoro inutile? Qualcuno si richiamerebbe al karma.» Ora comincio a capire: mi sta suggerendo di sfruttare la forza dell’avversario per sconfiggerlo, che è poi la base di alcune arti marziali. Già. E chi meglio di un professionista conosce le debolezze della macchina burocratica?

«Prova a pensare solo alla mole di dati che vi viene imposto di trasmettere affinché lo Stato veda semplificato il proprio lavoro. Quanto un vostro errore può causare maggior lavoro e disagio ad un singolo Ente? Quanto tempo impiega un impiegato pubblico per prendere atto di un vostro sbaglio e connesso ravvedimento operoso? Quanto tempo dovrà impiegare un impiegato statale per riscontrare una vostra richiesta?»

Non ci sarebbe bisogno di aggiungere o spiegare altro. Ma ormai il fiume è esondato, sfondando gli argini.

«Ipotizziamo che per ogni azienda si versassero ogni mese 5 euro in meno. L’importo verrebbe subito regolarizzato qualche giorno dopo con un distinto modello F24. Ogni Ente dovrebbe registrare una doppia movimentazione. Parliamo come detto di un milione e mezzo di imprese.

Versata la differenza si potrebbe procedere pure con una comunicazione all’Ente. È vero che non tutti gli Istituti devono rispondere ai vostri messaggi ma comunque devono leggerli. E leggere ogni mese un milione e mezzo di mail vi assicuro che non è roba da poco. Se poi pensiamo che l’Inps deve riscontrare ogni comunicazione ricevuta via posta elettronica o sul cassetto previdenziale l’Istituto a guida Tridico / Di Michele rischia seriamente la paralisi. Ovviamente dovreste offrire gratis queste pratiche a tutti i vostri assistiti.»

Ma questo non è corretto, dico io. Mi stai parlando più che di sciopero, di boicottaggio, di ostruzionismo, di rappresaglia. E questo non va bene. Assolutamente no.

«Punti di vista. Io la vedo più un percorso educativo al rispetto del lavoro degli altri.»

Forse hai ragione, ma sai – replico io – ci sono rapporti istituzionali da salvaguardare. Così si rompe tutto. Gianni manco mi ascolta. È un martello.

«Ma si potrebbe pure fare un versamento maggiore del dovuto – bastano poche decine di euro – chiedendo l’eccedenza a rimborso. Te lo immagini l’Inps a gestire più di 1.500.000 di pratiche di rimborso? E le spese per i bonifici per la restituzione delle eccedenze? Ca va sans dire anche questa pratica dovrebbe essere gratuita per tutta la vostra clientela.»

Provo con una obiezione non troppo convinta. Mi sa che a tanti Colleghi non piacerebbe l’idea di dover lavorare più di adesso e per giunta senza conquibus!

«Beh, direi che lo state facendo da qualche decennio nei confronti di pseudo datori di lavoro – Stato e Istituti previdenziali – senza veder il becco di un quattrino ma, soprattutto, senza batter ciglio. Ditemi voi se tutto questo non assomiglia ad una sorta di schiavitù.» Gianni. Continui a non capire. Siamo un Ordine professionale.

«Oh Alberto. Se quando vuoi fare uno sciopero ti poni paletti di moralità non arrivi da nessuna parte. Guarda che se ai miei tempi ci fossimo fatte tutte queste paranoie oggi mica avreste lo Statuto dei lavoratori!»

In effetti non ha tutti i torti. Uno sciopero efficace si potrebbe fare, ma bisogna trovare il modo giusto. Il giusto equilibrio. E lui l’idea l’ha lanciata. E pure carina, direi. “O famo strano” come nel famoso dialogo tra Carlo Verdone e la strepitosa Jessica Gerini nel film Viaggi di Nozze.

«In ogni sciopero devi chiederti cosa vuoi e cosa sei disposto a fare per ottenerlo. Se ne vale davvero la pena non si possono avere scrupoli.»

Beh, su quali rivendicazioni avanzare non avrei alcun dubbio, gli rispondo.

Non mi interessa incidere sulle precise scelte politiche o ideologiche. Quello lo lascerei fare alla Triplice. Mi fulmina con lo sguardo. Ma io proseguo impassibile. Io mi limiterei al campo prettamente tecnico. Pretendo semplicemente l’emanazione di provvedimenti chiari, che non necessitino di decine di circolari, messaggi e Faq a chiarimento. Soprattutto perché spesso, nell’incertezza delle norme, i chiarimenti – frutto ormai dell’inaccettabile discrezionalità conquistata nel tempo dai vari Enti – appaiono discutibili.

Le mie istanze le vorrei dunque limitare ad essere realmente consultati come Categoria prima della discussione e/o emanazione di ogni provvedimento. Atti che pretenderei ci siano sottoposti in bozza, chiedendoci dove la loro scelta politica è “tecnicamente” equivoca oppure fa acqua. Quante volte il giorno dopo la pubblicazione di una norma vengono espresse sulla stampa specializzata perplessità su come la disposizione debba essere interpretata? Direi che oggi è la normalità.

«Condivido. Sono senza dubbio richieste sensate le tue. Ma dimmi la verità. Pensi che si possa ottenere questo risultato senza che Voi, come Categoria, vi esponiate prendendo una posizione forte?

Non mi dirai che confidi in un miglioramento della qualità degli uffici legislativi dei vari dicasteri o del Parlamento? Dai non scherziamo. Direi che questo sistema si è dimostrato palesemente insufficiente. Ad essere schietti, inadeguato.»

Oh Gianni. Quelli che dici è vero. Ma se anche uno sciopero del genere si potesse fare – e ripeto non credo – come farlo? Per andare dal Governo di turno, né più né meno di come fa il Landini, a muso duro e senza alcuna pietà, dovremmo allenarci un po’. Dopo decenni di sottomissione credo che abbiamo perso lo smalto necessario. Non so se è possibile rimediare ad anni di evidente accondiscendenza ed apatia.

Lo sguardo è perplesso. Poi mi sorride. Mi fa segno di stare zitto portandosi il dito indice davanti a naso e bocca. Indica la radio e alza il volume.

C’è un brano di Edoardo Bennato.

Il rock di Capitan Uncino.

Veri pirati noi siam,

contro il sistema lottiam

Ci esercitiamo a scuola a far la faccia dura

Per fare più paura …

Preleva l’articolo completo in pdf