Sentenza di condanna al pagamento di varie retribuzioni e indennità e tardivo versamento della relativa contribuzione all’Inps. Da quando decorrono le sanzioni civili?

di Sabrina Pagani, Consulente del Lavoro in Milano

 

La sentenza in commento (Cass., Sez. Lav., 27 febbraio 2019, n. 05754)  affronta un caso di decorrenza e quantificazione di sanzioni civili per omissione contributiva derivanti da tardivo pagamento di contributi su importi retributivi a vario titolo, risultati dovuti a quattro differenti lavoratori, a seguito di sentenza di condanna del datore di lavoro.

Ricorrendo avverso la cartella esattoriale dell’Inps, l’azienda sosteneva la tesi – accolta dal giudice dei primi due gradi di giudizio – secondo cui il termine per adempiere ad una obbligazione contributiva derivante da una sentenza di condanna decorre sempre dalla data di emissione della pronuncia costitutiva, non essendo concepibile una mora in un momento in cui i contributi non erano ancora considerati dovuti.

Conseguentemente, solo da tale pronuncia possono decorrere eventuali sanzioni contributive per tardivo pagamento in caso di mancato tempestivo assolvimento all’ordine del giudice.

Di seguito riportiamo, per ciascuna delle quattro fattispecie oggetto di giudizio, l’esito del giudizio di legittimità instaurato dall’Inps.

Clicca qui per la tabella.

 

 

Preleva l’articolo completo in pdf