Il Punto – ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: noi ci crediamo e la realizziamo con successo

Potito di Nunzio, Presidente del Consiglio dell’Ordine provinciale di Milano

 

Il 21 ottobre 2021 alle ore 17:00 è stato presentato, nella splendida cornice del Bianca Maria Palace di Milano, il progetto di alternanza scuola lavoro realizzato dalla nostra Commissione per il sociale e riferiti i suoi positivi esiti alla presenza dei protagonisti (scuole, imprese, studenti e consulenti del lavoro). L’evento è stato anche seguito in streaming da oltre 130 colleghi.

Il Progetto Artemisia Gentileschi, progetto innovativo di alternanza scuola lavoro, ha avuto corso nel 2019 e si è svolto con gli studenti dell’ITT e liceo linguistico Artemisia Gentileschi di Milano.

I Consulenti del Lavoro si sono proposti come quarto attore dell’alternanza oltre gli studenti, la scuola e le aziende ospitanti per formare gli studenti sui temi inerenti il mondo del lavoro e dei rapporti di lavoro, sia nella dimensione giuridica che in quella sociologica.

Noi riteniamo importante e strategico che gli studenti possano accedere, preventivamente l’inizio di una esperienza lavorativa, a quelle informazioni che, per differente finalità, la didattica non prevede.

Voglio ricordare che i Consulenti del Lavoro:

  • Sono stati studenti, hanno vissuto da studenti il mondo della scuola e ne hanno acquisito la “conoscenza” di
  • Hanno frequentato il periodo di pratica professionale acquisendo la “competenza”.
  • Lavorano quotidianamente con i datori di lavoro e confrontandosi con il mercato del lavoro e delle relazioni industriali, acquisendo “abilità” di problem solving nella gestione delle risorse
  • Possono spiegare le regole del mondo del lavoro adattandosi ad un contesto giovane e didattico.

Si parla molto di “saper fare”, noi di contro riteniamo che sia necessario concentrarsi anche sul “saper pensare” e sul “saper essere” per essere liberi e consapevoli nelle proprie scelte; la scuola chiede all’alunno nozioni, al lavoratore le aziende chiedono soluzioni.
I Consulenti del Lavoro attori del mondo globale di oggi, ad altissimo tasso di innovazione tecnologica e di trasformazione di scenari economici e di mercato, constatano che la scuola forma con lunghi percorsi didattici a professioni che, in parte, sono lontane o si stanno allontanando dal contesto lavorativo che accoglierà lo studente.

È strategico quindi che gli studenti per affrontare al meglio l’esperienza di Alternanza:
– Siano formati sugli aspetti giuridici e disciplinari inerenti il rapporto di lavoro, sia esso autonomo che subordinato;
– Abbiano compreso come le conoscenze debbano essere spese in un contesto lavorativo e come apprenderne di nuove;
– Abbiano compreso la differenza tra le conoscenze in chiave nozionistica e la loro applicazione nel contesto lavorativo;
– Abbiano consapevolezza dell’importanza della dimensione relazionale/comunicativa nello svolgimento della prestazione lavorativa.

Hanno partecipato al progetto:
– 13 studenti delle terze e quarte classi del liceo linguistico e Istituto Tecnico Turistico;
– 3 docenti dell’Istituto scolastico in qualità di tutor interno;
– 7 Consulenti del Lavoro membri del Centro Studi e Ricerche dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Milano;
– 9 aziende ospitanti.

Lo Studente, l’attore principale di questo  progetto:
– È stato formato sugli aspetti legali e disciplinari inerenti il rapporto di lavoro, sia esso autonomo che subordinato;
– Ha ricevuto informazioni e spiegazioni, anche con laboratori pratici interattivi, su come spendere le proprie conoscenze
ed apprenderne di nuove;
– Ha appreso la differenza tra “dimostrare di conoscere” (la Scuola) e “risolvere un problema” (il Lavoro);
– ha preso coscienza dell’importanza della dimensione relazionale/comunicativa nello svolgimento della prestazione lavorativa.
È emerso che la sinergia Scuola-Aziende trae beneficio da “ambasciatori”, i Consulenti del Lavoro, che affiancano:
– le Scuole e che siano in grado di esprimere concretamente e sulla scorta di una esperienza concreta le necessità del mondo
del lavoro

– le Aziende che si sentono sostenute nell’esprimere la “didattica della mansione”, non sempre patrimonio delle loro abilità.

Le Aziende ospitanti, che hanno accolto gli studenti, sono operanti nei settori del turismo, della moda, dello spettacolo e della comunicazione. Gli studenti sono stati inseriti quindi in strutture alberghiere, agenzie di comunicazione, in un teatro e in una casa di moda, dove hanno lavorato osservando l’orario di lavoro praticato nei contesti di riferimento e svolgendo mansioni aderenti al loro percorso formativo.

Il periodo di alternanza scuola-lavoro si è svolto nel periodo di giugno 2019 e presso ogni datore di lavoro è stato presente un tutor aziendale. Ogni Consulente del Lavoro ha seguito un singolo studente accompagnandolo al lavoro il primo giorno e rendendosi disponibile presso il datore di lavoro per confrontarsi sia con lo studente che con il datore di lavoro stesso per valutare l’andamento del progetto e rispondere a dubbi e criticità in un’ottica di mediazione e di problem solving.

In conclusione, un progetto ambizioso e innovativo testardamente voluto dalla nostra Commissione per il sociale e realizzato con la soddisfazione di tutti gli attori malgrado l’interruzione dovuta alla pandemia.
Presenti alla presentazione, la Regione Lombardia, l’ANPAL, il Presidente del municipio otto di Milano, i rappresentanti delle imprese e delle scuole e gli studenti.
Invito tutti a guardare il video (cliccando qui) che illustra il corso e l’opuscolo realizzato (cliccando qui) che può essere distribuito a tutte le scuole che frequentano i nostri figli.
Un caloroso ringraziamento va ai componenti della Commissione che hanno dedicato cuore e anima a questo progetto e sono: Simone Colombo, Alessandro Cornaggia, Stefano Guglielmi, Stefano Lunghi, Patrizia Masi, Morena Massaini, Massimo Melgrati e Maria Grazia Silvestri, coordinati dalla Collega Luciana Mari alla quale va un particolare ringraziamento e senza la quale questo progetto non si sarebbe potuto realizzare.
Un ulteriore ringraziamento anche alla Dott.ssa Iolanda Gensini della nostra segreteria che ha assistito la Commissione in tutte le fasi del progetto.

 

Pubblichiamo il comunicato stampa diffuso dall’Enpacl che corregge i dati diffusi dalla Covip (clicca qui)

 

Preleva l’articolo completo in pdf