Contratti&Co.: DAL NUOVO SISTEMA DI INQUADRAMENTO AL WELFARE CONTRATTUALE: Le principali novità del rinnovo del Ccnl metalmeccanica industria

di Laura di Nunzio – Avvocato in Milano, Luca Bonetti, Consulente del lavoro in Milano

Lo scorso 5 febbraio 2021 è stata sottoscritta l’ipotesi di accordo per il rinnovo del Ccnl per i dipendenti dalle industrie metalmeccaniche private e della installazione di impianti (c.d. “Metalmeccanica Aziende Industriali”), che ha apportato profonde modifiche alla previgente disciplina contrattuale, soprattutto in materia di classificazione dei lavoratori.

Abbandonata la classificazione che prevedeva le categorie dalla 1 (più bassa) alla 8 (più alta), dal 1° giugno 2021 i lavoratori rientranti nelle categorie legali di quadri, impiegati ed operai vengono inquadrati – in base alle declaratorie contenute all’interno del Ccnl – in una classificazione unica articolata in nove livelli di inquadramento ricompresi in quattro campi di responsabilità di ruolo:

 

CAMPI DI RESPONSABILITÀ DI RUOLO LIVELLI

DI INQUADRAMENTO

D. Ruoli Operativi Livelli D1 e D2
C. Ruoli Tecnico Specifici Livelli C1, C2 e C3
B. Ruoli Specialistici e Gestionali Livelli B1, B2 e B3
A. Ruoli di gestione del cambiamento e Innovazione Livello A1

 

Per i lavoratori già in forza, le aziende dovranno quindi procedere entro il 31 maggio 2021 a riclassificare i lavoratori secondo la seguente tabella di comparazione:

 

ATTUALI CATEGORIE CAMPI PROFESSIONALI LIVELLI
1 Eliminazione 1° categoria
2 D

Ruoli operativi

D1
3 D2
3 S C

Ruoli tecnico specifici

C1
4 C2
5 C3
5 S B

Ruoli specialistici e gestionali

B1
6 B2
7 B3
8 A1

 

Come si legge dalla tabella che precede, viene eliminata la 1ma categoria e i lavoratori già in forza alla data dell’entrata in vigore dell’accordo di rinnovo verranno riclassificati automaticamente nel livello D1, riclassificazione che sarà automatica anche per tutti gli altri lavoratori, sulla scorta della tabella di comparazione sopra riportata. Le parti hanno previsto che entro il 31 maggio 2021 i datori di lavoro dovranno comunicare ai lavoratori in forza la loro riclassificazione e gli eventuali periodi di attività ancora da svolgere ai fini dei passaggi di livello previsti dal Ccnl.

Chiaramente l’anzianità di servizio maturata non verrà persa e verrà presa in considerazione per l’applicazione di tutti gli istituti contrattuali.

L’ampia modifica apportata alla classificazione

dei lavoratori ha richiesto alle parti sociali un lungo lavoro, ancora in fase di completamento, soprattutto per ciò che attiene le esemplificazioni di figure e profili professionali rientranti nei singoli livelli. Dunque, ci si aspetta nei prossimi mesi nuovi accordi integrativi che arricchiranno la disciplina contrattuale sul tema. Del resto, il salto che è stato compiuto dalle organizzazioni sindacali e dalle associazioni imprenditoriali di categoria è stato davvero epocale, basti leggere le nuove declaratorie che tengono conto delle innovazioni e dello sviluppo tecnologico che negli anni ha interessato, trasformandola, l’industria nel nostro Paese. Il Ccnl di categoria non poteva che adeguarsi alle nuove figure esistenti nelle unità produttive, molto più complesse e poliedriche rispetto al passato.

Altra interessante novità dell’accordo di rinnovo è rappresentata dagli incrementi retributivi che, a decorrere dal mese di giugno 2021 e via via ogni giugno di ciascun anno di vigenza del Ccnl, vedranno innalzare gli stipendi mensili dei lavoratori di tutti i livelli.

I minimi contrattuali saranno adeguati sulla base della “ dinamica inflattiva consuntivata misurata con l’IPCA al netto degli energetici importati così come fornita dall’ISTAT”; nello specifico, è stato stabilito un aumento del 6,15% in base alla dinamica inflativa, da suddividere in 4 tranches rispettivamente a giugno 2021, giugno 2022, giugno 2023 e giugno 2024.

L’incremento per livello, distinto nelle quattro tranches, sarà pari a:

LIVELLO 1^ TRANCHE GIUGNO 2021 2^ TRANCHE GIUGNO 2022 3^ TRANCHE GIUGNO 2023 4^ TRANCHE GIUGNO 2024 TOTALE
D1 20,18 20,18 21,79 28,25 90,40
D2 22,38 22,38 24,17 31,33 100,26
C1 22,86 22,86 24,69 32,01 102,42
C2 23,34 23,34 25,21 32,68 104,57
C3 25,00 25,00 27,00 35,00 112,00
B1 26,80 26,80 28,94 37,52 120,06
B2 28,75 28,75 31,05 40,25 128,80
B3 32,10 32,10 34,66 44,93 143,79
A1 32,86 32,86 35,49 46,01 147,22

Le parti si impegnano a riunirsi entro i primi giorni del mese di giugno di ciascun anno, per verificare la reale dinamica inflativa. In caso di importo superiore a quello preventivato, i minimi tabellari saranno di conseguenza adeguati.

Altra rilevante novità si ha in materia di welfare contrattuale che, introdotto in via sperimentale nelle precedenti annualità, è stato reso oggi strutturale. A decorrere dal 1° giugno di ciascun anno le aziende dovranno, infatti, mettere a disposizione dei lavoratori degli strumenti di welfare del valore di 200 euro, da utilizzare entro il 31 maggio dell’anno successivo. Il valore di 200 euro è da intendersi omnicomprensivo ed espressamente escluso dalla base di calcolo del trattamento di fine rapporto. Il valore del welfare non è, inoltre, riproporzionabile per i lavoratori part-time ed è comprensivo esclusivamente di eventuali costi fiscali o contributivi a carico dell’azienda.

Hanno diritto al welfare contrattuale i lavoratori, superato il periodo di prova, in forza al 1° giugno di ciascun anno o successivamente assunti entro il 31 dicembre di ciascun anno:

  • con contratto a tempo indeterminato;
  • con contratto a tempo determinato che abbiano maturato almeno tre mesi, anche non consecutivi, di anzianità di servizio nel corso di ciascun anno (1° gennaio – 31 dicembre);

Sono esclusi dal riconoscimento del welfare i lavoratori in aspettativa non retribuita né indennizzata nel periodo 1° giugno – 31 dicembre  di ciascun anno. Insomma, il settore finalmente si adegua ai tempi moderni, manifestando la volontà di tutti, rappresentanti dei lavoratori maggiormente rappresentativi e degli imprenditori, di voler sostenere un settore importante qual è l’industria rivalutandolo.

Preleva l’articolo completo in pdf