Il punto

Il punto

postato in: SINTESI: Marzo 2016 | 0

Marzo pazzerello guarda il sole e prendi l’ombrello, dice un vecchio proverbio popolare.

Per noi Consulenti del Lavoro marzo 2016 è più che pazzerello perché ci ha portato non la pioggia ma una normativa che davvero grida allo scandalo: le dimissioni telematiche.
Non volevamo crederci; abbiamo sperato fino all’ultimo che il Ministero del Lavoro si fosse adoperato per bloccare questa pazza idea. E invece nulla. La normativa è entrata in vigore e ha messo tutti gli intermediari
in condizioni, a dir poco, grottesche. Di fatto il povero lavoratore, poco avvezzo alla telematica, si è trovato di fronte a un problema insormontabile che gli ha privato la libertà di manifestare liberamente la propria volontà.
E che dire di quei lavoratori che sbattono la porta e vanno via dall’azienda senza mai inviare le dimissioni telematiche.
Costi assurdi per il datore di lavoro che si vede costretto a licenziare il lavoratore per inadempimento e quindi corrispondere all’Inps il cd ticket licenziamento.
Tra l’altro con grave danno per le casse dell’Inps perché si vede costretto a corrispondere la NASPI.
Confusione e mancanza di coordinamento sono all’ordine del giorno: e pensare che il testo del provvedimento è inserito nel Decreto Legislativo delle SEMPLIFICAZIONI.

 

Si pensi al dipendente che rassegna le dimissioni e le invia telematicamente con effetto immediato. Il datore di lavoro ha cinque giorni di tempo per inviare la comunicazione obbligatoria di cessazione del rapporto di
lavoro. Ma tra il sesto e il settimo giorno il lavoratore ci ripensa e revoca le dimissioni. Nuova comunicazione obbligatoria da inviare per rettificare la precedente.
Insomma, adempimenti inutili e costosi per, si dice, “debellare il fenomeno delle dimissioni in bianco”. Tutti noi sappiamo che il fenomeno è esiguo e non è certo questo il vero problema delle discriminazioni in azienda.

Speriamo che nelle correzioni al Jobs Act si possa inserire una norma di civiltà che modifichi questa aberrazione.